idee e itinerari turistici per scoprire la Basilicata


Domenica, 26 Febbraio 2017 16:33

La cucina della Basilicata: cavatelli con i fagioli di Sarconi

Scritto da/Written by 

Ben ritrovati, oggi desidero parlarvi di un legume che forse non tutti amano per differenti motivi ma che è una vera eccellenza della mia terra, ormai riconosciuto con il marchio IGP pertanto tenterò l’ardua impresa di convincere anche i più scettici a provarlo. Si tratta dei Fagioli di Sarconi la cui zona di produzione è la Val d’Agri, specificatamente i comuni di Sarconi, Grumento Nova, Marsiconuovo, Marsicovetere, Moliterno, Paterno, San Martino d’Agri, Spinoso, Tramutola, Viggiano.

Fagioli di Sarconi
Foto: www.fagiolodisarconi.it

 

Sono prodotti legati all’ambiente di questi territori dove le particolari condizioni climariche permettono la produzione di fagioli di elevata qualità e dall’inconfondibile sapore dolce, inoltre la loro morbidezza e la buccia sottile li rendono particolarmente digeribili.Ne esistono ben 19 varietà pertanto ognuno potrà scegliere quello che si addice maggiormente ai propri gusti.

La nota dolente di questo prodotto è la difficile reperibilità al di fuori delle zone di produzione, salvo alcune fornitissime gastronomie, perciò se volete provarlo l’unico modo per assaggiare i Fagioli di Sarconi è quello di acquistarli online su alcuni siti specializzati nella commercializzazione di tipicità lucane o su quelli delle aziende di produzione.

Io però vi suggerisco anche un’altra strada, quella di recarvi un weekend in uno di questi caratteristici borghi, lontano dal caos, circondati da paesaggi rasserenanti e coccolati dalla calorosa accoglienza della mia gente.

Potrete sperimentare sul posto, nelle varie trattorie o agriturismi, le molteplici pietanze a base di fagioli dalle zuppe, alla pasta fatta in casa, alle salsicce in umido, ai dolci, ai gelati ed alle marmellate.

La sagra che si tiene a Sarconi ad agosto potrebbe essere l’occasione perfetta. Due giorni dedicati a cibo, mostre, spettacoli di strada, musica e folclore, tutto “ispirato” al fagiolo. Potrete inoltre aggirarvi tra le vie del suggestivo centro storico per scoprire, aiutati dalle didascalie, tutte le varietà del fagiolo, la loro storia e il loro legame antico col territorio.

Vi lascio con questa semplice ma gustosissima ricetta, veloce da preparare per chi ha poco tempo, inoltre è un’ottima base se voleste gustarla con l’aggiunta di cozze o vongole, provate per credere!!

 

La ricetta: cavatelli e fagioli

Cavatelli e fagioli
Foto: www.cuochiepadelle.it

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr di cavatelli freschi;
  • 400 g di fagioli Tabacchini di Sarconi;
  • qualche spicchio d'aglio;
  • 100 grammi di pancetta tagliata fine;
  • un battuto di cipolla;
  • un pugno di prezzemolo finemente tagliato;
  • sale, pepe e passato di pomodoro q. b.

Preparazione

Fate cuocere i fagioli a fuoco lento fino ad ultimare la cottura. A parte in un tegame, meglio se di terracotta, soffriggete in olio di oliva qualche spicchio di aglio che toglierete appena rosolato. Aggiungete la pancetta e la cipolla, imbiondite il tutto e da ultimo mettete una parte di prezzemolo. Scolate i fagioli, conservando il brodo, aggiungeteli al soffritto, preparato in precedenza, unendo anche il passato di pomodoro, salate e pepate. Fate insaporire per una decina di minuti poi versateli nel loro brodo lasciandoli bollire per circa mezz'ora. Da ultimo aggiungete il prezzemolo rimasto e servite.

 

Giovanna De Stefano

Lascia un commento/Leave a comment

I campi con (*) sono obbligatori. Codice HTML non consentito/Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Cerca/Search

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive