idee e itinerari turistici per scoprire la Basilicata



Cosa vedere a Policoro

Mare, storia e natura: sono questi i tre ingredienti che rendono Policoro la meta ideale per una vacanza rilassante, per riscoprire il fascino di un nobile passato e lasciarsi sorprendere dalla bellezza di flora e fauna.


IL FASCINO DELLA MAGNA GRECIA, TRA NATURA E RELAX 

Policoro sorge infatti a pochi passi dalle rovine dell’antica Heraklea, importante polis della Magna Grecia.  È qui che Pirro combatté l’esercito romano nel 280 a.C.. A testimoniare questo glorioso passato c’è il Museo Archeologico della Sirtide, che custodisce i resti dell’antica città.

Ma non si può andare via da questi luoghi senza aver assaporato le famose fragole di Policoro, frutto saporito che in queste zone trova terreno fertile per crescere rigoglioso. E poi c’è il mare: paesaggio incontaminato, acque cristalline e pulite (Bandiera Blu 2016), tanto che le tartarughe caretta caretta hanno scelto queste spiagge per deporre le loro uova. Possiamo fidarci!

La spiaggia di Policoro 


TRE BUONI MOTIVI PER VISITARE POLICORO


1. LE ACQUE PURE DEL MARE IONIO

A differenza delle altre spiagge lucane che si affacciano sullo Ionio, la spiaggia di Policoro è fatta da sabbia e piccoli ciottoli. Le acque sono mediamente profonde. Talvolta è possibile avvistare gruppi di delfini che nuotano al largo. Il litorale è fornito di lidi che si alternano a tratti di spiaggia libera. Presenti numerose strutture ricettive che offrono ospitalità a prezzi contenuti.


2. L'ANTICA HERAKLEA

Policoro sorge a pochi chilometri dalle rovine dell’antica polis greca di Heraklea. In prossimità del parco archeologico è possibile visitare il Museo Archeologico Nazionale della Sirtide che custodisce corredi funerari, armature in bronzo, gioielli in argento, oro e ambra, testimonianza di un glorioso passato. Il museo ha adottato la Carta della qualità dei servizi del MiBACT.

Gli scavi di Policoro


3. LA RICCHEZZA DELLA FAUNA

A pochi chilometri dalla città si trova l’oasi WWF Policoro Hearklea, che fa parte della vasta Riserva naturale orientata Bosco Pantano di Policoro (500 ettari). È uno degli ultimi boschi allagati costieri del nostro paese ed è una metà imperdibile per gli appassionati di birdwatching.

Policoro, oasi WWF

ll Pantano di Policoro è infatti un'importante area di sosta per numerosi uccelli migratori, di cui ne state censite circa 170 specie, come l'airone bianco maggiore, l'airone cenerino, la spatola. L’oasi offre rifugio anche a moltissime tartarughe marine come la tartaruga caretta caretta. Il parco è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.00, per visite guidate è necessaria la prenotazione.

PRIMA DI PARTIRE PER POLICORO, LEGGETE IL NOSTRO ITINERARIO ALLA SCOPERTA DELLA COSTA IONICA!

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive