idee e itinerari turistici per scoprire la Basilicata



Cosa vedere ad Aliano e Craco

Immaginate di trovarvi in un luogo nascosto, segreto, dove l’unico suono che possiate ascoltare è il frinire delle cicale unito al sussurrare del vento. Se è la prima volta che visitate Aliano, allora rimarrete impressionati dal silenzio, dalla quiete e dal suo spettacolare paesaggio lunare creato dai Calanchi.

È qui che Carlo Levi ha scritto il suo capolavoro “Cristo si è fermato ad Eboli” quando fu confinato controvoglia in questo paese nascosto nel cuore della Basilicata fino a che un giorno non se ne innamorò, al punto da voler essere seppellito nel suo piccolo cimitero.

UN PAESE MISTERIOSO, IMMERSO TRA I CALANCHI

Aliano è la meta per chi desidera visitare un luogo unico, al di là dello spazio e del tempo: non a caso è a pochi chilometri da qui che si trova Craco, città fantasma entrata nel 2010 nella lista dei monumenti da salvaguardare redatta dalla World Monuments Fund, ed è in questi luoghi che Mel Gibson ha girato alcune delle scene più toccanti del suo colossal La passione di Cristo.  

Vi consigliamo di visitare Aliano, magari dopo aver riletto il capolavoro di Levi, per ripercorre con lo scrittore questa storia scritta tra queste case antiche, nascoste tra i Calanchi.

Veduta panoramica Aliano  


TRE BUONI MOTIVI PER VISITARE ALIANO


1. IL PARCO LETTERARIO CARLO LEVI

Gli anni trascorsi dal maestro Carlo Levi ad Aliano (1935 e 1936) hanno segnato positivamente questo paese della Basilicata che in suo onore ha istituito il Parco Letterario Carlo Levi, che invita il visitatore a riscoprire il romanzo attraverso visite guidate, rappresentazioni teatrali e in costume per le vie del paese.

Aliano, casa Carlo Levi

È inoltre possibile visitare il Museo storico di Carlo Levi e la casa in cui lo scrittore visse gli anni del confino. Molto interessante è inoltre il Museo civico della civiltà contadina, che permette al visitatore di tuffarsi in un passato che appare antichissimo ma che non è poi così lontano.


2. MONACHICCHI, MALOCCHI E IL PAESE FANTASMA DI CRACO

Fattucchiere, magiare, malocchi e folletti dispettosi (chiamati “monachicchi”) si aggirano per le strade silenziose di Aliano, tanto che in passato le facciate delle case riprendevano la forma dei volti umani per proteggere gli abitanti dagli spiriti maligni. Di queste case oggi è rimasta solo quella conosciuta come “La casa del malocchio”.

Aliano, la casa del malocchio

Se visitate Aliano poi, non potete non fare tappa a Craco, una città fantasma che si può visitare su prenotazione e con l’ausilio di una guida. Vi inerpicherete sui ripidi gradini, tra viottoli abbandonati e case silenziose per raggiungere il relitto della chiesa, il palazzo signorile e l’antica torre da cui si gode di un panorama unico sull’arida pianura lucana con i suoi splendidi Calanchi: un’emozione che toglie il fiato.

SCOPRI IL NOSTRO ITINERARIO PER VIAGGIARE TRA I CALANCHI LUCANI!


3. I CALANCHI

Aliano si trova nella zona dei Calanchi, spettacolari pinnacoli naturali di argilla che si ergono di fronte all’osservatore. Alcuni hanno paragonato questi luoghi all’Arizona, per la presenza di dune, canyon e per il colore ocra della terra che si mischia al verde della prateria.

Ed è in questa zona della Basilicata che è possibile ammirare il volo del capovaccaio, avvoltoio sacro agli antichi egizi e oggi molto raro nella nostra penisola, ma non in questo incontaminato angolo di Basilicata. 

I calanchi, Basilicata


CREDIT PHOTO:
Foto Craco: Marco Lovisco

Download Freewww.bigtheme.net/joomla Joomla Templates Responsive